LA NAZIONE – GIOVEDI 22/12/2011

«Rigiochiamo la ripresa»

Il fair play della Querce

Allievi B La partita era stata sospesa per i furti negli spogliatoi

«VINCERE a tavolino non fa mai piacere, soprattutto se gli avversari hanno dovuto fare i conti con una situazione spiacevole. Per questo siamo disponibili a giocare la partita contro il Coiano Santa Lucia, ripartendo dal secondo tempo». Con un gesto di grande fair play il direttore generale della Querce, Fabrizio Borselli si dice pronto a giocare la gara contro il Coiano Santa Lucia, categoria Allievi B 1996, sospesa sabato scorso alla fine del primo tempo per i furti subìti nello spogliatoio dai padroni di casa di Santa Lucia. «Fin dal primo momento abbiamo capito le difficoltà dei nostri avversari — continua Borselli — e infatti nel referto arbitrale abbiamo dato la disponibilità a proseguire in un altro momento il match. In certe circostanze il lato sportivo passa in secondo piano».
Intanto il giudice sportivo ha rimandato di una settimana ogni decisione sulla partita, avvalendosi della facoltà di chiedere un supplemento del referto arbitrale. In pratica il giudice sportivo prima di giungere ad una decisione definitiva (che arriverà il prossimo 28 dicembre) vuole vederci chiaro e capire se c’erano davvero gli estremi della «causa di forza maggiore» per arrivare a sospendere il match.
Un’ ipotesi remota per concludere la vicenda potrebbe essere quella che oltre al Coiano Santa Lucia anche la Querce possa perdere a tavolino la partita per non essere scesa in campo. Soluzione subito smentita da Borselli: «Darci la partita persa non è nemmeno pensabile — conclude —. Noi siamo scesi regolarmente in campo per il secondo tempo.
Quando i padroni di casa ci hanno comunicato che non avrebbero voluto giocare la ripresa allora ci siamo adeguati».
ANCHE in casa Coiano Santa Lucia le idee sono chiare. A cominciare dal direttore sportivo Fernando Pampaloni: «Innanzitutto voglio ringraziare la Querce per il grande senso di responsabilità — dice —. Il problema di fondo è rappresentato dal regolamento, che va assolutamente modificato dalla federazione regionale. La soluzione di disputare la gara contro la Querce a partire dal secondo tempo mi sembra la più logica, anche per non penalizzare ulteriormente i ragazzi già scossi dai furti subìti».

Stefano De Biase